X
X

Di Prinzio Ferro Battuto - La Storia

La prima bottega di ferro battuto col nome Di Prinzio, apre a Guardiagrele - Chieti - nel 1856. Da quel giorno generazioni di fabbri e maniscalchi si sono succedute, tramandando di padre in figlio l’amore e i segreti di quest’arte.

Raffaele, Luciano e Bruno sono tre fratelli che crescono nella bottega artigiana di famiglia e si cimentano in piccoli lavori artistici, fino a quando decidono di far diventare l’arte della lavorazione del ferro battuto la loro principale attività . Nasce così, nel 1972, la “Raffaele Di Prinzio & F.lli S.n.c.”, indiscussa e affermata impresa artigiana abruzzese.

Fin dai primi anni d’attività le realizzazioni in ferro battuto dei fratelli Di Prinzio affascinano abruzzesi e non solo. Importanti commissioni arrivano da città del Vaticano; la Madonna dei Miracoli col Bambino e il vecchietto di Pollutri in preghiera sono due opere in ferro battutto realizzate su incarico di Papa Albino Luciani. Del 1978, invece,è la Croce Pastorale per Papa Giovanni XXIII. Nel 2000 Papa Karol Wojtyla è omaggiato del simbolo del Giubileo, forgiato a mano e interamente realizzato in ferro battuto.

Numerose opere sono sparse un po’ in tutta Italia e nel mondo. La prima grande e importante opera in ferro battutto è “Basta la Guerra”, raffigurante un’aquila che afferra una mitragliatrice, oggi posta sul colle dell’antica città di Juvanum a Montenerodomo (Chieti) in ricordo dei caduti per la patria.
La città di Vasto, nel 1989, commissiona una croce in ferro battuto di 15 metri per celebrare il gemellaggio con la città australiana di Perth.

A Prato, il Conte Franco Santellocco Gargano affida ai maestri Di Prinzio la realizzazione delle recinzioni in ferro battuto della famosa dimora storica conosciuta col nome di Castello della Rocca di Vernio. Oltre alla recinzione, l’impresa abruzzese è incaricata di restaurare e sistemare tutte le opere interne ed esterne in ferro battuto -  recinzioni, letti, stemmi, lampadari, divisori floreali - risalenti a epoche storiche precedenti.

Negli anni i fratelli Di Prinzio si sono cimentati non solo nella realizzazione di grandi opere, ma anche in vere e proprie sculture forgiate in ferro battuto, come l’opera “L’Aquila e il Pesce Leone”, oggi conservata a Palazzo Venezia a Roma, o i fregi creati per le Armi e i Corpi delle Forze Armate.

Negli ultimi anni la scomparsa di Luciano, prima, e Bruno, poi, ha costretto l’unico fratello rimasto, Raffaele, a riorganizzare l’azienda di modo che figli e nipoti potessero continuare a dedicarsi alla lavorazione del ferro battuto. Per questo nasce la Ferro battuto Di Prinzio Srl, operante nello stabilimento di Fara Filiorum Petri, facilmente raggiungibile da Chieti e Pescara.

Premi e Riconoscimenti

Logo Artigianato

L’operosità e la creatività dei maestri artigiani Di Prinzio sono state più volte riconosciute e premiate.

Tra i premi più importanti quello ricevuto ad Avignone - Francia - nel 1990. I maestri del ferro battuto ottengono il Bollino Blu per l’eccellente abilità nella forgiatura delle alabarde.

Nel 1999 il presidente delle Repubblica Oscar Luigi Scalfaro consegna a Raffaele Di Prinzio la medaglia d'argento, quale riconoscimento di degno rappresentante dell'artigianato artistico abruzzese e nazionale.

Nel 2004, precisamente il 2 giugno, il maestro Raffaele Di Prinzio viene insignito, dall’allora prefetto di Chieti Aldo Vaccaro, del titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana.

Senza contare i tanti riconoscimenti ottenuti a livello locale e nazionale per il costante impegno profuso per la valorizzazione e la diffusione dell’arte del ferro battuto, le numerose partecipazioni a mostre di settore e le tante pubblicazioni su quotidiani e riviste specialistiche.

L'azienda

La Storia

Di Prinzio Ferro Battuto
Di Prinzio Ferro Battuto

La prima bottega di ferro battuto col nome Di Prinzio, apre a Guardiagrele - Chieti - nel 1856. Da quel giorno generazioni di fabbri e maniscalchi si sono succedute, tramandando di padre in figlio l’amore e i segreti di quest’arte.

Raffaele, Luciano e Bruno sono tre fratelli che crescono nella bottega artigiana di famiglia e si cimentano in piccoli lavori artistici, fino a quando decidono di far diventare l’arte della lavorazione del ferro battuto la loro principale attività . Nasce così, nel 1972, la “Raffaele Di Prinzio & F.lli S.n.c.”, indiscussa e affermata impresa artigiana abruzzese.

Fin dai primi anni d’attività le realizzazioni in ferro battuto dei fratelli Di Prinzio affascinano abruzzesi e non solo. Importanti commissioni arrivano da città del Vaticano; la Madonna dei Miracoli col Bambino e il vecchietto di Pollutri in preghiera sono due opere in ferro battutto realizzate su incarico di Papa Albino Luciani. Del 1978, invece,è la Croce Pastorale per Papa Giovanni XXIII. Nel 2000 Papa Karol Wojtyla è omaggiato del simbolo del Giubileo, forgiato a mano e interamente realizzato in ferro battuto.

Numerose opere sono sparse un po’ in tutta Italia e nel mondo. La prima grande e importante opera in ferro battutto è “Basta la Guerra”, raffigurante un’aquila che afferra una mitragliatrice, oggi posta sul colle dell’antica città di Juvanum a Montenerodomo (Chieti) in ricordo dei caduti per la patria.
La città di Vasto, nel 1989, commissiona una croce in ferro battuto di 15 metri per celebrare il gemellaggio con la città australiana di Perth.

A Prato, il Conte Franco Santellocco Gargano affida ai maestri Di Prinzio la realizzazione delle recinzioni in ferro battuto della famosa dimora storica conosciuta col nome di Castello della Rocca di Vernio. Oltre alla recinzione, l’impresa abruzzese è incaricata di restaurare e sistemare tutte le opere interne ed esterne in ferro battuto -  recinzioni, letti, stemmi, lampadari, divisori floreali - risalenti a epoche storiche precedenti.

Negli anni i fratelli Di Prinzio si sono cimentati non solo nella realizzazione di grandi opere, ma anche in vere e proprie sculture forgiate in ferro battuto, come l’opera “L’Aquila e il Pesce Leone”, oggi conservata a Palazzo Venezia a Roma, o i fregi creati per le Armi e i Corpi delle Forze Armate.

Negli ultimi anni la scomparsa di Luciano, prima, e Bruno, poi, ha costretto l’unico fratello rimasto, Raffaele, a riorganizzare l’azienda di modo che figli e nipoti potessero continuare a dedicarsi alla lavorazione del ferro battuto. Per questo nasce la Ferro battuto Di Prinzio Srl, operante nello stabilimento di Fara Filiorum Petri, facilmente raggiungibile da Chieti e Pescara.

Premi e Riconoscimeti

Logo Artigianato

L’operosità e la creatività dei maestri artigiani Di Prinzio sono state più volte riconosciute e premiate.

Tra i premi più importanti quello ricevuto ad Avignone - Francia - nel 1990. I maestri del ferro battuto ottengono il Bollino Blu per l’eccellente abilità nella forgiatura delle alabarde.

Nel 1999 il presidente delle Repubblica Oscar Luigi Scalfaro consegna a Raffaele Di Prinzio la medaglia d'argento, quale riconoscimento di degno rappresentante dell'artigianato artistico abruzzese e nazionale.

Nel 2004, precisamente il 2 giugno, il maestro Raffaele Di Prinzio viene insignito, dall’allora prefetto di Chieti Aldo Vaccaro, del titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana.

Senza contare i tanti riconoscimenti ottenuti a livello locale e nazionale per il costante impegno profuso per la valorizzazione e la diffusione dell’arte del ferro battuto, le numerose partecipazioni a mostre di settore e le tante pubblicazioni su quotidiani e riviste specialistiche.

Certificato Made in Italy

Dall’estate 2012 tutti le creazioni artigianali in ferro battuto possono vantarsi della certificazione 100% Made in Italy. Il marchio Made in Italy Certificate, è una marchio applicabile esclusivamente a prodotti:

  • interamente realizzati in Italia;
  • realizzati con semilavorati italiani;
  • costruiti con materiali di qualità e di prima scelta;
  • realizzati con disegni e progettazione esclusivi dell'azienda;
  • costruiti adottando le lavorazioni artigianali tradizionali tipiche italiane.

Inoltre, le creazioni devono essere realizzate in osservanza dei criteri di sicurezza e delle norme sull’igiene.
Le nostre realizzazioni in ferro battuto, rispettando tutti i criteri del Made in Italy, saranno da oggi accompagnate da un marchio olografico anticontraffazione e numerazione progressiva che accerterà la qualità e le peculiarità che solo un prodotto totalmente realizzato a mano e in Italia può avere.